Cartolarizzazione dei crediti: cos’è e come funziona

Cartolarizzazione dei crediti: cos’è e come funziona

La cartolarizzazione dei crediti è un’operazione finanziaria che, introdotta in Italia con la Legge 30 aprile 1999, n. 130, si basa sull’istituto della cessione del credito. Questo processo, di derivazione anglosassone, mira allo smobilizzo dei crediti per fornire liquidità immediata al creditore e alla creazione di nuovi beni finanziari, noti come “strumenti finanziari”. Di seguito, esamineremo le linee guida essenziali di questa pratica.

I passi chiave della cartolarizzazione dei crediti

  1. Cessione dei crediti: Un soggetto, comunemente una banca o un intermediario finanziario (originator), cede uno o più crediti pecuniari, esistenti o futuri, a una società di capitali specializzata in operazioni di cartolarizzazione, nota come “società veicolo.”
  2. Emissione di titoli: La società veicolo, per ottenere i fondi necessari all’acquisto dei crediti, emette titoli destinati a investitori professionali e non. Questi titoli sono soggetti alle disposizioni del Testo Unico Bancario (T.U.B.).
  3. Riscossione dei crediti: La società veicolo o una società affiliata (servicer) si occupa della riscossione dei crediti ceduti, adottando varie attività come il monitoraggio dei debitori, l’avvio di azioni giudiziarie e stragiudiziarie, e la gestione delle transazioni.
  4. Destinazione degli incassi: Le somme incassate dai debitori ceduti vengono esclusivamente destinate ai portatori dei titoli emessi per finanziare l’acquisto dei crediti, salvo il pagamento dei costi dell’operazione.

Protezione degli investitori

Per garantire la sicurezza degli investitori, la Legge n. 190/1999 stabilisce che i crediti ceduti costituiscono un “patrimonio separato,” distinti dal patrimonio della società veicolo e da altri patrimoni separati legati ad altre operazioni di cartolarizzazione.

Evoluzione normativa

L’ambito applicativo della Legge n. 190/1999 è stato ampliato progressivamente, includendo le operazioni indicate negli articoli successivi. Dal 1° gennaio 2019, è in vigore il Regolamento (C.E.) 12 dicembre 2017, n. 2017/2402/UE, che mira a gestire i rischi nelle cartolarizzazioni complesse, trasparenti e rischiose, con l’obiettivo di rilanciare i mercati delle cartolarizzazioni di qualità, evitando gli errori del periodo precedente la crisi finanziaria del 2008.

In conclusione, la cartolarizzazione dei crediti rappresenta una strategia finanziaria utile per garantire liquidità e creare strumenti finanziari, con un quadro normativo in costante evoluzione per affrontare le sfide del mercato.

Avv. Cosimo Montinaro

Contatta lo Studio

error: Contenuto protetto!
Torna in alto