ChiamaAppuntamento

ASSEGNO DI MANTENIMENTO E PENSIONAMENTO VOLONTARIO

Com’è noto, costituiscono giustificati motivi di revisione dell’assegno di mantenimento i mutamenti delle condizioni economiche di uno o di entrambi gli ex coniugi che, all’esito di una rinnovata valutazione comparativa, si presentino oggettivamente idonei ad alterare l’equilibrio determinato al momento della pronuncia del Tribunale. Invero, in materia di separazione e …

ASSEGNO DI MANTENIMENTO E PENSIONAMENTO VOLONTARIO Leggi tutto »

TFR e divorzio: il 40% spetta all’ex coniuge

Ai sensi dell’art. 12 bis, L. 898/1970 (legge sul divorzio), il coniuge nei cui confronti è stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, passata in giudicato, ha diritto, se non è passato a nuove nozze e se titolare dell’assegno divorzile, a una percentuale dell’indennità …

TFR e divorzio: il 40% spetta all’ex coniuge Leggi tutto »

Spese scolastiche e mediche: come ottenere il rimborso pro quota

“Il provvedimento con il quale, in sede di separazione, si stabilisce che il genitore non affidatario paghi, sia pure pro quota, le spese mediche e scolastiche ordinarie relative ai figli costituisce idoneo titolo esecutivo e non richiede un ulteriore intervento del giudice in sede di cognizione, qualora il genitore creditore …

Spese scolastiche e mediche: come ottenere il rimborso pro quota Leggi tutto »

Nullità del precetto per mancata menzione del decreto di esecutorietà

  A seguito di mancata opposizione, il decreto ingiuntivo diventa esecutivo solo dopo l’apposizione della dichiarazione di esecutorietà da parte del Giudice della fase monitoria (c.d. decreto di esecutorietà). In tal caso, l’art. 654, secondo comma, c.p.c. dispensa il creditore da una seconda notifica del decreto in quanto l’intimato è …

Nullità del precetto per mancata menzione del decreto di esecutorietà Leggi tutto »

Il “nuovo” assegno divorzile alla luce delle Sezioni Unite 2018

Affrontiamo la questione del “nuovo” assegno di divorzio alla luce della sentenza delle Sezioni Unite n. 18287/2018. Com’è noto, l’art. 5, sesto comma, della Legge n. 898/1970 prevede che con la sentenza di divorzio il Tribunale possa disporre la corresponsione di un assegno periodico in favore del coniuge che non ha …

Il “nuovo” assegno divorzile alla luce delle Sezioni Unite 2018 Leggi tutto »

Il Giudice di Pace di Frosinone annulla multa per violazione lockdown

Il Giudice di Pace di Frosinone, con sentenza n. 516 del 29 luglio 2020, ha annullato una multa comminata ad una cittadina per violazione del DPCM 09.03.2020 (lockdown). Di seguito il testo integrale della sentenza: Giudice di Pace di Frosinone, sentenza 15 – 29 luglio 2020, n. 516 Avvocato Manganiello …

Il Giudice di Pace di Frosinone annulla multa per violazione lockdown Leggi tutto »

Va revocato l’assegno di divorzio all’ex moglie che convive con il nuovo compagno?

Per la Cassazione (ordinanza n. 22064/2020) non si può dare per provata la nuova stabile convivenza della ex moglie e poi negare al marito la revoca dell’assegno divorzile. Gli Ermellini con l’ordinanza n. 22064/2020 bocciano la decisione della Corte d’Appello perché, prima richiama la giurisprudenza di legittimità sulla famiglia di …

Va revocato l’assegno di divorzio all’ex moglie che convive con il nuovo compagno? Leggi tutto »

Il figlio che si sposa conserva il diritto al mantenimento?

Corte di Appello di Bari, Sez. Fam., 3 novembre 2020 Al genitore spetta l’onere di continuare ad erogare l’assegno fino a quando il figlio non avrà raggiunto l’indipendenza economica. Permane l’obbligo di mantenimento del figlio maggiorenne anche se questi si sposa. Infatti, il matrimonio del figlio maggiorenne, già destinatario del …

Il figlio che si sposa conserva il diritto al mantenimento? Leggi tutto »

E’ sufficiente la volontà di un solo partner per sciogliere un’unione civile?

Tribunale di Milano, sez. IX, sentenza 3 giugno 2020, n. 45257: Nelle Unioni Civili, ove ricorrano i presupposti contemplati dalla Legge, una sola delle parti, può chiedere lo scioglimento del vincolo. Le Unioni Civili sono regolate dalla Legge 76/2016 c.d. Legge Cirinnà, la quale prevede, come per l’istituto del matrimonio, …

E’ sufficiente la volontà di un solo partner per sciogliere un’unione civile? Leggi tutto »

Il mancato riconoscimento del figlio naturale viene configurato come fatto illecito endofamiliare e genera il diritto al risarcimento del danno

Il mancato riconoscimento del figlio naturale viene configurato come fatto illecito endofamiliare e genera il diritto al risarcimento del danno subito dal figlio, che subisce, in via presuntiva, un vuoto emotivo, relazionale e sociale dovuto alla assenza paterna fin dalla sua nascita. Il ritardo del figlio nel promuovere l’azione di …

Il mancato riconoscimento del figlio naturale viene configurato come fatto illecito endofamiliare e genera il diritto al risarcimento del danno Leggi tutto »

Muore due giorni dopo il sinistro stradale: il danno biologico terminale va risarcito!

Nel caso in cui tra la lesione e la morte si interponga un apprezzabile lasso di tempo, tale periodo giustifica il riconoscimento, in favore del danneggiato, del cosiddetto danno biologico terminale, cioè il danno biologico stricto sensu (ovvero danno a bene salute), al quale, nell’unitarietà del genus del danno non …

Muore due giorni dopo il sinistro stradale: il danno biologico terminale va risarcito! Leggi tutto »

Non si può impedire al padre biologico di riconoscere il figlio nato da una relazione extraconiugale

Corte europea diritti dell’uomo, sez. IV, 16 ottobre 2020 (n. 32495/15) Pronunciandosi su un caso “bulgaro” in cui si discuteva della legittimità delle decisioni delle autorità giudiziarie di non consentire al padre biologico di un bambino di ottenere il riconoscimento della propria paternità, la Corte di Strasburgo ha ritenuto, all’unanimità, …

Non si può impedire al padre biologico di riconoscere il figlio nato da una relazione extraconiugale Leggi tutto »

Lo scantinato è inutilizzabile a causa di infiltrazioni condominiali? Il danno è in re ipsa

Cassazione con ordinanza del 9 ottobre 2020, n. 21835 MASSIMA: Nell’ipotesi di infiltrazioni di acqua derivanti da parte comune di edificio condominiale, il danno subito dal proprietario dell’immobile per l’indisponibilità del medesimo può definirsi in re ipsa, purché inteso in senso descrittivo, cioè di normale inerenza del pregiudizio all’impossibilità stessa …

Lo scantinato è inutilizzabile a causa di infiltrazioni condominiali? Il danno è in re ipsa Leggi tutto »

Mantenimento: il figlio maggiorenne è tenuto ad impegnarsi attivamente per trovare un’occupazione

Cass., ordinanza n. 17183/2020 Con ordinanza n. 17183, depositata il 14 agosto 2020, la Prima Sezione Civile di questa Corte ha ulteriormente precisato i limiti entro cui il figlio maggiorenne “convivente” può ottenere il mantenimento a carico dei propri genitori. Il Collegio ha puntualizzato, in particolare, che, ultimato il prescelto …

Mantenimento: il figlio maggiorenne è tenuto ad impegnarsi attivamente per trovare un’occupazione Leggi tutto »

Il deposito telematico degli atti processuali è tempestivamente effettuato quando la ricevuta di avvenuta consegna viene generata entro la fine del giorno di scadenza

Corte di Cassazione, sez. VI Civile, 15 settembre 2020, n. 19163 (Cass. 27 giugno 2019, n. 17328; Cass. 8 novembre 2019, n. 28982). MASSIMA Il deposito telematico degli atti processuali si perfeziona quando viene emessa la seconda PEC, ovvero la ricevuta di avvenuta consegna, da parte del gestore di posta …

Il deposito telematico degli atti processuali è tempestivamente effettuato quando la ricevuta di avvenuta consegna viene generata entro la fine del giorno di scadenza Leggi tutto »

Rimborso spese straordinarie: è necessario un titolo esecutivo specifico

Cass. civ., Sez. VI, Ord. n. 4513/2020 “In materia di assegno di mantenimento, nel caso in cui il coniuge onerato alla contribuzione delle spese straordinarie, sia pure pro quota, non adempia, al fine di legittimare l’esecuzione forzata, occorre adire nuovamente il giudice affinchè accerti l’effettiva sopravvenienza degli specifici esborsi contemplati …

Rimborso spese straordinarie: è necessario un titolo esecutivo specifico Leggi tutto »

Opposizione a precetto: sentenza esecutiva solo dopo il passaggio in giudicato

Cass., Sez. III Civile, 15 aprile 2015, n. 7660  MASSIMA “La sentenza che definisce una causa di opposizione a precetto, non avendo natura di sentenza di condanna, non è esecutiva fino al suo passaggio in giudicato; ne consegue che il giudice dell’esecuzione, a fronte di una sentenza di primo grado …

Opposizione a precetto: sentenza esecutiva solo dopo il passaggio in giudicato Leggi tutto »

L’aumento dell’assegno per il figlio maggiorenne può essere chiesto anche nel giudizio d’appello (Cass., n. 19077/2020)

In materia di assegno di mantenimento per il figlio, poichè si verte in tema di conservazione del contenuto reale del credito fatto valere con la domanda originaria, deve ammettersi la possibilità, per il genitore istante, di chiedere un adeguamento del relativo ammontare, alla stregua della svalutazione monetaria o del sopravvento …

L’aumento dell’assegno per il figlio maggiorenne può essere chiesto anche nel giudizio d’appello (Cass., n. 19077/2020) Leggi tutto »

L’accertamento del diritto di percepire l’assegno divorzile non è impedito dalla delibazione della sentenza di nullità del matrimonio

MASSIMA: “L’accertamento del diritto di percepire l’assegno divorzile non è impedito dalla delibazione della sentenza di nullità del matrimonio, quando la sentenza non definitiva che ha deciso sullo status, sia già passata in giudicato. Il titolo giuridico dell’obbligo di corrispondere l’assegno deriva dall’impossibilità di ricostituire la comunione spirituale e materiale …

L’accertamento del diritto di percepire l’assegno divorzile non è impedito dalla delibazione della sentenza di nullità del matrimonio Leggi tutto »

L’abbandono della casa coniugale non è causa di addebito se la convivenza è già intollerabile

Con la sentenza n. 12241 del 23 giugno 2020, il Supremo Collegio ha stabilito che il volontario abbandono della casa coniugale coniugale è causa di per sè sufficiente di addebito della separazione, in quanto porta all’impossibilità della convivenza, salvo che si provi – e l’onere incombe a chi ha posto …

L’abbandono della casa coniugale non è causa di addebito se la convivenza è già intollerabile Leggi tutto »

Donazione indiretta: la prova dell’animus donandi

Cass. civ., Sez. II, Ord. 21/05/2020, n. 9379   MASSIMA “La donazione indiretta si identifica con ogni negozio che, pur non avendo la forma della donazione, sia mosso da un fine di liberalità e abbia l’effetto di arricchire gratuitamente il beneficiario, sicché l’intenzione di donare emerge solo in via indiretta …

Donazione indiretta: la prova dell’animus donandi Leggi tutto »

Divano di colore diverso: non costituisce vendita “aliud pro alio”

CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. II CIVILE – ORDINANZA 3 giugno 2020, n. 10456 MASSIMA “L’ipotesi di vendita di “aliud pro alio” sussiste quando il bene consegnato è completamente diverso da quello venduto, poichè appartenente ad un genere differente oppure con difetti che gli impediscono di assolvere alla sua funzione naturale …

Divano di colore diverso: non costituisce vendita “aliud pro alio” Leggi tutto »

Prenotazione on-line: la clausola “non rimborsabile” è vessatoria

Secondo il Giudice di Pace di Trapani (sentenza del 14 ottobre 2019), la clausola “non rimborsabile” predisposta dall’albergatore è vessatoria MASSIMA: In un contratto telematico, la selezione di una casella tramite il click non può essere equiparata al requisito della doppia sottoscrizione richiesto dall’art. 1341 c.c., dal momento che essa …

Prenotazione on-line: la clausola “non rimborsabile” è vessatoria Leggi tutto »

Risarcimento del danno non patrimoniale da morte

Ancora una pronuncia della Suprema Corte (ordinanza n. 7743/2020) sul risarcimento del danno non patrimoniale da morte avanzato dai congiunti del defunto MASSIMA “In tema di domanda di risarcimento del danno non patrimoniale “da uccisione”, proposta “iure proprio” dai congiunti dell’ucciso, questi ultimi devono provare l’effettività e la consistenza della …

Risarcimento del danno non patrimoniale da morte Leggi tutto »

Lecce: dal 18 maggio parte il deposito telematico delle istanze di Patrocinio a spese dello Stato

Finalmente!! Dal prossimo 18 maggio 2020 partirà anche a Lecce la possibilità del deposito telematico delle istanze di Patrocinio a spese dello Stato Dal sito dell’Ordine degli Avvocati di Lecce: E’ un ulteriore passo verso la progressiva e obbligatoria digitalizzazione dei documenti cartacei prevista per le Pubbliche Amministrazioni dal D. …

Lecce: dal 18 maggio parte il deposito telematico delle istanze di Patrocinio a spese dello Stato Leggi tutto »

Il diritto-dovere di visita del figlio minore spettante al genitore non collocatario non è suscettibile di coercizione!

Cass., ordinanza n. 6471 del 06.03.2020 MASSIMA: “In tema di rapporti con la prole, il diritto dovere di visita del figlio minore spettante al genitore non collocatario non è suscettibile di coercizione neppure nelle forme indirette previste dall’art. 614 bis c.p.c., trattandosi di un “potere-funzione” che, non essendo sussumibile negli …

Il diritto-dovere di visita del figlio minore spettante al genitore non collocatario non è suscettibile di coercizione! Leggi tutto »

Il mancato rilascio della licenza di abitabilità integra un inadempimento del venditore per consegna di aliud pro alio

Il mancato rilascio della licenza di abitabilità integra un inadempimento del venditore per consegna di aliud pro alio Cassazione, ordinanza, 4 marzo 2020, n. 5972 “Nella vendita di immobile destinato ad abitazione, il certificato di abitabilità costituisce requisito giuridico essenziale del bene compravenduto, poiché vale a incidere sull’attitudine del bene …

Il mancato rilascio della licenza di abitabilità integra un inadempimento del venditore per consegna di aliud pro alio Leggi tutto »

Opposizione a decreto ingiuntivo e domanda riconvenzionale (Cass., n. 6091/2020)

MASSIMA  Cassazione sentenza n. 6091 del 04 marzo 2020:  “L’opposizione a decreto ingiuntivo dà luogo ad un ordinario giudizio di cognizione, nel quale il giudice deve accertare la fondatezza della pretesa fatta valere dall’opposto, che assume la posizione sostanziale di attore, mentre l’opponente, il quale assume la posizione sostanziale di …

Opposizione a decreto ingiuntivo e domanda riconvenzionale (Cass., n. 6091/2020) Leggi tutto »

È valida la notifica di un atto giudiziario eseguita da un operatore di posta privato?

Le Sezioni Unite si pronunciano in tema di valida di notificazioni di atti giudiziari eseguite da operatori di poste private Con la recentissima sentenza n. 299 del 10 gennaio 2020, le Sezioni Unite hanno statuito che, in tema di notificazioni di atti processuali, posto che nel quadro giuridico novellato dalla …

È valida la notifica di un atto giudiziario eseguita da un operatore di posta privato? Leggi tutto »

Assegno divorzile: finalità assistenziale, perequativa e compensativa (C.d.A. Roma, n. 1776/2020)

Assegno divorzile: sentenza marzo 2020 La Corte d’Appello di Roma, con la sentenza 12 marzo 2020, n. 1776, sulla scorta delle recenti pronunce della Suprema Corte in tema di assegno divorzile (Corte di Cassazione, Sez. I, n. 9533/19), ha statuito che, in sede di calcolo dell’assegno divorzile, il Giudice, in …

Assegno divorzile: finalità assistenziale, perequativa e compensativa (C.d.A. Roma, n. 1776/2020) Leggi tutto »

I genitori sono sempre obbligati al mantenimento del figlio maggiorenne non autosufficiente? (Trib. La Spezia, sent. 14.08.2019)

La cessazione dell’obbligo di mantenimento dei figli maggiorenni non autosufficienti deve, quindi, fondarsi su un accertamento di fatto che tenga conto dell’età, dell’effettivo conseguimento di un livello di competenza professionale e tecnica, dell’impegno rivolto verso la ricerca di un’occupazione lavorativa, nonché della complessiva condotta personale tenuta, dal raggiungimento della maggiore età, dall’avente diritto

Assegno divorzile: rilevanza delle potenzialità professionali e reddituali dell’ex coniuge (Cass., ord. n. 3661, 13.02.2020)

Assegno divorzile CORTE DI CASSAZIONE, SEZ. I CIVILE – ORDINANZA 13 febbraio 2020, n. 3661 MASSIMA “Ai fini del riconoscimento dell’assegno di divorzio in favore dell’ex coniuge, l’accertamento dell’inadeguatezza dei mezzi dell’ex coniuge istante e dell’impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive si fonda anche sulla capacità del medesimo richiedente di …

Assegno divorzile: rilevanza delle potenzialità professionali e reddituali dell’ex coniuge (Cass., ord. n. 3661, 13.02.2020) Leggi tutto »

Stabilimenti balneari: manufatti installati sino al 31.12.2020

Il TAR Lecce ha applicato, per la prima volta a livello nazionale, la norma c.d. “salva lidi”, sancendo il diritto dei titolari di strutture stagionali, funzionali alle attività turistico-ricreative ubicate su area demaniale in concessione, a mantenere installati i manufatti per l’intero anno solare e sino al 31.12.2020.

Il diritto del condomino a distaccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato (Cass., Sez. II Civile, ordinanza 11 dicembre 2019, n. 32441)

Ai sensi dell’art. 1118, comma 4, c.c., il diritto del condomino a distaccarsi dall’impianto di riscaldamento centralizzato non è disponibile e di conseguenza sono nulle le clausole dei regolamenti condominiali che vietino il distacco. Il regolamento condominiale può invece legittimamente obbligare il condomino rinunziante a concorrere alle spese per l’uso del servizio centralizzato, poiché il criterio legale di ripartizione delle spese di gestione dettato dall’art. 1123 c.c. è derogabile.

Negoziazione assistita in materia di separazione personale dei coniugi. Per il trasferimento (trascrizione) immobiliare è necessaria l’autenticazione dell’accordo da parte di un pubblico ufficiale (Cass., sent. n. 1202, 21 gennaio 2020)

La Suprema Corte, Sezione Seconda Civile, con sentenza n. 1202 del 21 gennaio 2020, ha statuito che nel caso in cui i coniugi raggiungano, in sede di negoziazione assistita, un accordo di separazione personale che preveda anche il trasferimento di unità immobiliari, per la trascrizione di detto accordo è necessaria, ai sensi dell’art. 5, comma 3, del medesimo D.L. n. 132, l’autenticazione del relativo verbale da parte di un pubblico ufficiale a ciò autorizzato

SEZIONI UNITE 2020: INTERESSI MORATORI ED USURA

Corte di Cassazione, Sezioni Unite – sentenza 18 settembre 2020, n.19597 PRINCIPI DI DIRITTO … Si devono, a questo punto, enunciare i seguenti principi di diritto, ai sensi dell’art. 384 c.p.c., comma 1: “La disciplina antiusura si applica agli interessi moratori, intendendo essa sanzionare la pattuizione di interessi eccessivi convenuti …

SEZIONI UNITE 2020: INTERESSI MORATORI ED USURA Leggi tutto »

Torna su