Sinistro stradale: è responsabile il conducente se il pedone attraversa improvvisamente la strada?

Sinistro stradale: è responsabile il conducente se il pedone attraversa improvvisamente la strada? Nel caso sottoposto all’attenzione del Tribunale di Lecce, definito con sentenza n. 1105/2021 pubblicata in data 20.04.2021, il padre di un minore conveniva in giudizio la Compagnia di assicurazione, nonché il proprietario-conducente del mezzo, per sentirli condannare, in solido tra loro, al risarcimento dei danni subiti dal figlio in occasione di un sinistro stradale. Nello specifico, deduceva l’esclusiva responsabilità del conducente ai sensi ex art. 2054 c.c., …

Sinistro stradale: è responsabile il conducente se il pedone attraversa improvvisamente la strada? Leggi tutto »

Il pagamento delle spese condominiali spetta al nudo proprietario e non all’usufruttuario

Il pagamento delle spese condominiali spetta al nudo proprietario e non all’usufruttuario. La Corte di Cassazione, con ordinanza n. 724/2020, ha stabilito che per incassare la quota delle spese dei lavori straordinari il Condominio deve citare in causa il nudo proprietario e non l’usufruttuario. Ciò anche se ha partecipato all’assemblea con la quale le attività sono state deliberate. Sicché, l’unico legittimato passivo dell’azione giudiziale volta al recupero delle quote è l’effettivo obbligato e non chi possa apparire tale. Avv. Cosimo …

Il pagamento delle spese condominiali spetta al nudo proprietario e non all’usufruttuario Leggi tutto »

Sinistro stradale: risarcimento danni parenti di persona rimasta invalida

Nel caso sottoposto all’attenzione del Tribunale di Lecce, definito con sentenza n. 1022/2021 del 12.04.2021, i parenti (rispettivamente padre, madre e fratello) di una persona rimasta invalida a seguito di un sinistro stradale hanno agito in giudizio al fine di ottenere il risarcimento dei danni patiti iure proprio, per lo sconvolgimento delle proprie abitudini di vita e perdita del rapporto con il congiunto. Gli attori hanno lamentato che, a seguito del sinistro stradale, la vittima, che viaggiava quale terza trasportata, …

Sinistro stradale: risarcimento danni parenti di persona rimasta invalida Leggi tutto »

Infortunio sportivo all’interno della Scuola: la scriminante sportiva

Il Tribunale di Lecce, con sentenza n. 987/2021 del 25.03.2021, ha rigettato l’appello proposto avverso la sentenza del Giudice di Pace di Lecce con la quale era stata rigettata la domanda di risarcimento danni da infortunio sportivo occorso all’interno di una Scuola di Lecce, confermando la sussistenza della c.d. scriminante sportiva. Più nello specifico, i genitori esercenti la potestà genitoriale sulla figlia minore impugnavano la sentenza n. 2338/2018 del 18.05.2018 emessa dal Giudice di Pace di Lecce, con la quale …

Infortunio sportivo all’interno della Scuola: la scriminante sportiva Leggi tutto »

Danni (epatite) da emotrasfusione: la prescrizione è quinquennale (Tribunale Lecce, n. 952/2021)

Il Tribunale di Lecce, sentenza n. 952/2021, pubblicata il 02.04.2021, ha ribadito la prescrizione quinquennale ex art. 2947 c.c. del diritto ad ottenere il risarcimento dei danni da emotrasfusione. Nel caso sottoposto all’attenzione del Tribunale, il paziente aveva convenuto in giudizio il Ministero della Salute al fine di sentirne accertare la responsabilità nella causazione dell’infezione da HCV (epatite) contratta in occasione di una emotrasfusione e somministrazione di terapia con albumina subite presso l’Ospedale di Casarano, con conseguente richiesta di condanna …

Danni (epatite) da emotrasfusione: la prescrizione è quinquennale (Tribunale Lecce, n. 952/2021) Leggi tutto »

Sinistro stradale: il responsabile è litisconsorte necessario

Il Tribunale di Lecce, con sentenza n. 851/2021, ha accolto il gravame proposto dalla Compagnia assicuratrice con il quale era stata eccepita la nullità della sentenza e del procedimento di primo grado per omessa integrazione del contraddittorio nei confronti del responsabile civile del danno. E’ noto, infatti, in tema di assicurazione obbligatoria della RCA, il consolidato principio della giurisprudenza di legittimità secondo il quale il responsabile civile del danno deve essere chiamato in causa, quale litisconsorte necessario, nel giudizio promosso dal danneggiato contro …

Sinistro stradale: il responsabile è litisconsorte necessario Leggi tutto »

Sinistri stradali: solo la condotta abnorme dell’utente della strada esclude la responsabilità del custode ex art. 2051 c.c.

Il Tribunale di Lecce, con sentenza n. 770/2021 del 17.03.2021, dopo aver ripercorso la disciplina normativa di cui all’art. 2051 c.c., ha statuito che, in tema di sinistri stradali, solo la condotta abnorme dell’utente della strada può valere ad escludere la responsabilità del custode. Nello specifico, quando il custode eccepisce la colpa della vittima, l’esclusione della responsabilità ex art. 2051 c.c. esige una duplice indagine (la colposità e la non prevedibilità della condotta del danneggiato), non essendo all’uopo sufficiente il …

Sinistri stradali: solo la condotta abnorme dell’utente della strada esclude la responsabilità del custode ex art. 2051 c.c. Leggi tutto »

Multe stradali: la maggiorazione semestrale del 10% è dovuta (Trib. Lecce, n. 755/2021)

Per il Tribunale di Lecce (sentenza n. 755/2021) la maggiorazione semestrale del 10% delle multe stradali è dovuta e decorre dal giorno in cui la sanzione è diventata esigibile sino a quando il ruolo non viene trasmesso all’esattoria. Estratto sentenza “In altre parole, secondo l’orientamento maggioritario, che il Tribunale ritiene di condividere, “il documento costituito dalla cartella esattoriale nel caso di specie era atto dovuto, e cioè prettamente esecutivo, atteso che il titolo definitivo era rappresentato dal verbale, regolarmente a …

Multe stradali: la maggiorazione semestrale del 10% è dovuta (Trib. Lecce, n. 755/2021) Leggi tutto »

Il Giudice ha il potere-dovere di applicare una norma di legge diversa da quella invocata dalle parti

Il Giudice ha sempre il potere-dovere di applicare una norma di legge diversa da quella invocata dalle parti Tribunale di Bari, sentenza n. 612/2021 ESTRATTO SENTENZA Il giudice, nell’indagine diretta all’individuazione del contenuto e della portata delle domande sottoposte alla sua cognizione, non è tenuto ad uniformarsi al tenore meramente letterale degli atti nei quali le domande medesime risultino  proposte, dovendo, per converso, aver riguardo al contenuto sostanziale della pretesa fatta valere, sì come desumibile dalla natura delle vicende dedotte …

Il Giudice ha il potere-dovere di applicare una norma di legge diversa da quella invocata dalle parti Leggi tutto »

La rinnovazione del precetto non costituisce abuso del diritto fintantochè il debitore esecutato non abbia pagato per intero l’importo dovuto

Per la Suprema Corte (sentenza n. 19876/2013), il creditore, fino al pagamento integrale del credito, è libero di intimare tanti precetti quanti ne reputa necessari, purchè non chieda, negli atti di precetto successivi, le spese e le competenze maturate in quelli precedenti. In tale ultima ipotesi, infatti, l’ingiunzione sarebbe sì illegittima, ma solo ed esclusivamente con riferimento a tali importi (non può, quindi, essere dichiarata invalida nella sua interezza). La rinnovazione del precetto configura un’attività legittima (purchè non comporti un ingiustificato incremento …

La rinnovazione del precetto non costituisce abuso del diritto fintantochè il debitore esecutato non abbia pagato per intero l’importo dovuto Leggi tutto »

Chiama ora
Torna su